La mia innata curiosità mi ha portata ad approfondire ed integrare le mie competenze professionali con numerosi corsi e aggiornamenti sui nuovi orientamenti della psicologia e della medicina con l’obiettivo di dare sempre il meglio a tutti i clienti utilizzando tecniche diverse a seconda del problema e delle esigenze individuali. Ogni disagio e disturbo richiede grande attenzione e soltanto dopo una attenta valutazione si procede all’impostazione di un piano terapeutico.

Il mio approccio prevede tecniche e metodologie della psicoterapia della Gestalt, l’ipnosi clinica, e inoltre mi avvalgo di tecniche di rilassamento delle quali la più nota è il training autogeno associata a tecniche di riequilibrio energetico che seguono i paradigmi e i nuovi orientamenti della medicina olistica; Già da alcuni anni ha cominciato ad affermarsi una nuova visione della salute e della cura; le scoperte della fisica quantistica hanno evidenziato come esiste una interconnessione e interdipendenza dei campi energetici; la medicina e la psicologia integrando queste scoperte cominciano ad avere una visione della cura in cui l’uomo viene considerato come una unità processuale mente-corpo dove la mente biografica (la mente di cui siamo consapevoli che si esprime nella nostra vita quotidiana) e il corpo sono un tutt’uno inseparabile che interagisce con l’ambiente e lo influenza attraverso l’energia-informazione degli atteggiamenti mentali, delle intenzioni e credenze. Questa visione ha portato alla creazione di un ambito di ricerca e applicazione denominato Psiconeuroendocrinoimmunologia ( PNEI.) che integra ampi settori di ricerca delle neuroscienze.

Psiche ed emozioni sono elementi fluidi e dinamici implicati direttamente in ogni processo nervoso, immunitario ed endocrino, inseriti nella realtà del mondo fisico secondo i principi della fisica quantistica. Il nostro corpo secondo questa visione è come un ologramma per cui tra tutte le cellule c’è un costante flusso di informazioni e ogni parte informa immediatamente tutte le altre: un’emozione positiva per esempio influenzerà positivamente lo stato psicofisico dell’organismo.Tutto ciò che esiste è fatto di energia, tutti siamo interconnessi in un ambiente/campo e la materia intesa come massa che possiamo vedere costituisce soltanto una parte della realtà, per comprenderla nella sua totalità dobbiamo far riferimento all’aspetto energetico.

A tutti è capitato di dire “oggi ho un basso livello di energia” o al contrario “ mi sento pieno di energia”. Queste espressioni del senso comune hanno una base scientifica. Ogni parte del nostro corpo ha una sua frequenza vibrazionale. La materia è costituita da massa, energia e informazione; la famosa equazione di Einstein E= mc2 in cui viene stabilita l’equivalenza tra la massa (materia) e l’energia ne costituisce la formula di riferimento che ha scardinato i principi della fisica classica di Newton il quale riteneva la massa e l’energia due realtà fisiche molto diverse con tutte le conseguenze che ne sono derivate in tutti i campi della scienza e della ricerca. Non ha più un grande seguito la vecchia concezione che voleva curare in maniera distinta il corpo non ritenendolo in stretto collegamento con la mente; i risultati delle ricerche lo confermano ampiamente: la salute oggi più che mai è un concetto complesso e come tale ogni forma di riduzionismo rischia soltanto di allungare se non addirittura bloccare i percorsi di guarigione.

 

Domande Frequenti 


 


 


 

 

 

 

  

Per chiedere informazioni contattami